GIOVENTÙ FRAGILE

GIOVENTÙ FRAGILE
I nuovi contorni della devianza
e della criminalità minorile
a cura di Valeria Lupidi, Vincenzo Lusa,
Gianandrea Serafin

Criminalità e devianza giovanile sono fenomeni ben noti, anche se periodicamente
tornano alla ribalta, soprattutto nei media, a causa di fatti di cronaca giudiziaria
che coinvolgono in modo sempre più preoccupante i minori. Si tratta di
forme di prevaricazione e di violenza che possono nascere all’interno dei contesti
familiari o scolastici ma che non sono limitate a questi ultimi; basti pensare
alle cosiddette “ gang minorili” o ai casi di violenza familiare, che negli ultimi
tempi nel nostro Paese hanno subìto un sensibile aumento. Queste manifestazioni
di aggressività spesso diventano particolarmente dannose per le vittime,
ma altrettanto per chi le agisce, a causa del rilievo giudiziario che ne può conseguire.
I saggi presenti nel volume analizzano in modo scientifico e giuridico i
diversi contesti nei quali il minore o il giovane si trovano a vivere e, a volte, a
delinquere per molteplici cause, fornendo un’analisi multidisciplinare volta alla
comprensione e alla conseguente individuazione dei sintomi della devianza in
ambito minorile. L’obiettivo è quello di offrire agli operatori del settore adeguati
e agili strumenti per interpretare in modo corretto ed efficace questa particolare
tipologia di devianza, così da intervenire e prevenire le condotte a rischio.
Valeria Lupidi, sociologa e criminologa, funzionario del Ministero dell’Interno,
ha incarichi di insegnamento presso varie università italiane, fra cui l’Università
Nicolò Cusano, l’Università di Castel Sant’Angelo a Roma dove dirige il
master in Criminologia, e l’Università Internazionale UNISED dove è docente
di Criminologia applicata. Dirige la collana Genuense del Dipartimento di
Scienze Sociali della Genuensis C.I.C.