LA NOSTRA VICE PRESIDENTE VALERIA LUPIDI : leggete ragazzi interessantissimo !

Il caso Libia e le Ong

 

La Libia e l’immigrazione sono temi di cui si parlerà a lungo. Le polemiche sull’attività della Guardia costiera libica, sugli accordi stipulati dall’Italia e sulle oggettive nefandezze perpetrate in quel Paese, si inseriscono in dibattiti politici nazionali e internazionali.

Recentissimo è l’attacco particolarmente duro all’Unione europea ed all’Italia dall’Alto Commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite che ha usato frasi quali: “patto disumano”, “oltraggio alla coscienza dell’umanità”, “inimmaginabile orrore patito dagli immigrati”. In particolare è stata giudicata disumana la politica italiana, sostenuta dall’Europa, di consentire alla Guardia costiera libica di riportate a terra chi cerca di fuggire pur sapendo che va a finire in campi invivibili.

Per contro Avramopoulos, l’alto commissario europeo per la politica estera, sostiene che l’Europa sta uscendo gradualmente dalla crisi migratoria perché gli arrivi verso il continente sono scesi  del 65 per cento dall’anno scorso (31,2 per cento verso l’Italia secondo i dati del Viminale).

Altro dato: il dipartimento libico per la lotta all’immigrazione illegale parla di un aumento dei detenuti da settembre ad oggi da 7.000 a 20.000 dopo che in agosto Italia e Unione europea hanno concluso l’accordo per addestrare la guardia costiera libica ad intercettare  le imbarcazioni ed a riportare i migranti in Libia, grande punto di transito. Quindi se gli arrivi sono drasticamente calati, in parallelo cresce la preoccupazione per gli abusi e il sovraffollamento dei luoghi di detenzione. In quelli di Tripoli gli osservatori dell’Onu hanno raccolto racconti di pestaggi, torture e violenze sessuali.

In questo panorama così complicato si innesca un altro attore: le Ong. Infatti la decisione della Libia di istituire una propria area Sar (ricerca e soccorso) in mare ha rotto il giocoliere delle Ong che vogliono portare tutti i migranti in Italia. A rovinare quella che qualcuno ha definito la “festa umanitaria” non è stato però tanto il Codice di comportamento voluto dal ministro Marco Minniti e approvato dall’Ue e neanche le indagini delle procure di Catania e Trapani, ma appunto l’annuncio della Libia di voler istituire una propria zona Sar per gestire i salvataggi al limite delle acque libiche, mettendo all’angolo le varie Msf, Save the children e Moas.

Tutto nasce quando in molti cominciarono a chiedersi per quale motivo le Ong potessero stazionare così vicine alla costa libica, recuperare barconi carichi di immigrati a poche ore di navigazione da Tripoli e traghettarli in Italia anzichè nel vicino porto di Zuara. L’articolo 9 della Convenzione Unclos stabilisce che ogni Stato costiero istituisca una zona Sar di propria pertinenza, un’area che si estende per circa 100 miglia nautiche oltre le acque territoriali. Alcuni paesi aderiscono e rispettano tale convenzione(come l’Italia), a Tripoli invece, fino a poco tempo fa, l’assenza di un’autorità stabile aveva di fatto annullato la capacità del Paese di pattugliare l’area e così le Ong intercettavano un migrante poco fuori (se non all’interno) le acque territoriali libiche e chiamavano a Roma il centro di coordinamento del soccorso marino, il quale, non poteva far altro che indirizzare le navi umanitarie verso i porti siciliani o a La Valletta.

Recentemente, a seguito degli accordi proposti dall’Italia, la Libia ha istituito ufficialmente una zona di ricerca e soccorso (Sar) nella quale nessuna nave straniera ha diritto di accedere salvo richiesta espressa dalle autorità libiche. Conseguenza di ciò è che se la nave dell’Ong dovesse recuperare migranti all’interno della zona Sar di competenza libica sarebbe costretta a consegnarli alla Guardia costiera africana che li porterebbe a Tripoli nei centri per immigrati.

Questo per le Ong non è accettabile visto che vorrebbero sbarcare tutti i migranti in Italia (come da loro più volte dichiarato). Questo perché a ben vedere  il loro obiettivo non è tanto il salvataggio, assolutamente doveroso, quanto l’apertura di canali umanitari per l’immigrazione. Scelta questa però riservata agli Stati.

 

Valeria Lupidi

Condividi

Lascia un commento